Abbiamo l’abitudine di chiamare tutto con il nome marmellata. Proviamo a fare un po’ di chiarezza. La marmellata è una mescolanza gelatinosa ottenuta solo con gli agrumi ( limoni, arance pompelmo). La confettura è una mescolanza portata a gelificazione di zuccheri, acqua e polpa, di una o più specie di frutta, esiste la confettura e la confettura extra, si differenziano dal quantitativo della frutta, quella extra, deve avere il quantitativo uguale o superiore a 450 gr. La composta è più ricca di frutta, ed ha un tenore di zucchero più basso, gli zuccheri utilizzati provengono dalla frutta stessa, pertanto e meno calorica. Viene preparata con frutta a pezzettoni, cotta con sciroppo o zucchero, aromatizzata con l’aggiunta di cannella, o chiodi di garofano, insomma possiamo scegliere gli aromi e le spezie che più ci piacciono. Mi è venuta l’idea quando mi sono resa conto di aver esagerato con l’acquisto delle arance. Per fortuna che questa frutta, si presta a molteplici ricette. Uno dei miei piatti preferiti è: una bella insalatona con arance tagliate a cubotti, finocchi,olive taggiasche, sale e olio, lo adoro! Oppure preparo il pollo con il succo d’arancia, è una vera bontà, ancora più gustosa è la faraona all’arancia La mia composta, ha avuto due nobili funzioni. La prima per un’ ottima crostata, la seconda l’ho accompagnata con dei formaggi morbidi. Per ultimo, perché no, una semplice ma succosa spremuta di arancia.

Gli ingredienti

  • arance polpose
  • zucchero
  • acqua
  • cannella o zenzero o cannella

La preparazione

In questa ricetta non ho voluto pesare gli ingredienti, ritengo che il gusto sia molto soggettivo, l’importante è seguire la procedura.

  • 1 Tagliare a vivo le arance, cercando di eliminare la parte bianca, perché la renderebbe amara.
  • 2 Mettere le arance in una pentola con l ‘acqua, quest’ ultima non deve coprire le arance.
  • 3 Quando comincia a bollire, togliere dal fuoco e scolare.
  • 4 Ripetere l’operazione, questa volta con l’aggiunta dello zucchero
  • 5 Fate a bollire a fuoco medio, girando spesso per evitare che caramellizzi lo zucchero
  • 6 Assaggiate, e verificate se il quantitativo di zucchero è sufficiente.

  • 7 Per renderla ancora più buona, aggiungete un pizzico di cannella, oppure dello zenzero o vaniglia.

  • 8 Per capire se è giunta alla giusta cottura, facciamo una prova. Metteremo la composta su un piatto di ceramica, quest’ultimo lo mettiamo in verticale, se la composta rimane attaccata, vuol dire che è pronta.

Due attenzioni da seguire per la preparazione. Eliminate più possibile l’albedo ossia la parte bianca dell’arancio, renderebbe amara la composta. L’altra e quella di girare continuamente con un cucchiaio di legno quando la facciamo sobbollire, perché lo zucchero potrebbe attaccarsi al fondo e cambierebbe il gusto. Facciamo raffreddare. La composta, può essere mantenuta in frigo ben chiusa per due o tre giorni

Dite la vostra!

In cucina, non amo gli sprechi, e voi cosa preparate con le arance?

+2